Icom IC-E90 e Perdita di Sensibilità

Una radio che spesso e volentieri mi trovo sul banco da lavoro è il Icom IC-E90 del caro amico Giuseppe, una bella radio molto solida e compatta che soffre però di un grosso difetto di progettazione: il connettore SMA è posto a circa 2mm di distanza dal PCB ed unito solamente da una goccia di stagno, la quale, a causa delle vibrazioni date dall’uso quotidiano inevitabilmente prima o poi sarà destinato a rompersi.

la radio si smonta allentando le tre viti sulla parte superiore della scocca, va poi rimossa la clip con la grossa vite al centro e per ultima si rimuover la batteria che nasconde altre quattro viti. Tutte le viti nella radio sono Philips (a “croce”).

Una volta aperta la radio bisogna delicatamente rimuovere il flat cable che collega le due parti della radio e dissaldare il piccolo filo di massa.

Una volta separate le due metà della radio bisogna dissaldare i tre piedini del encoder di sintonia e due piazzole di massa che collegano il PCB allo chassis. Una volta dissaldato il circuito basta togliere le tre viti rimanenti (due nella parte bassa ed una in alto a sinistra) e poi sollevare il PCB delicatamente per portare alla luce lo stadio RF.

Si può facilmente notare il connnettore SMA incriminato in un angolo del PCB, nel mio caso si era anche danneggiata la pista che collega i filtri di uscita (le minuscole e delicatissime induttanze) al connettore. La soluzione più semplice, seppur poco professionale è stata quella di usare un piccolo e molto affilato coltellino per togliere lo strato isolante dalla più vicina induttanza (verde – collegata direttamente al connettore) e con un piccolo filo ho unito tale induttanza ed il connettore di antenna.

Prima di chiudere la radio ho fatto qualche prova con il generatore RF e tutto sembra essere tornato alla normalità, la procedura per riassemblare la radio è esattamente la stessa usata per aprirla ma al contrario, bisogna solo fare attenzione a piegare correttamente il flat cable del display e a non schiacciare il cavo di massa nel richiuderla.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *