Un occhio dentro al ICOM IC-705

I colleghi di Radioaficion hanno pubblicato un interessante articolo sul hardware del ICOM IC-705 con foto e spiegazioni, vi riporto la traduzione

Link originale: https://radioaficion.com/cms/ic-705-teardown/

L’apertura del ricetrasmettitore è molto semplice: avrai bisogno di buoni cacciaviti Phillips di diverse dimensioni, tipo PH. È desiderabile averne un set.
Scollegare la batteria e svitare le 4 viti agli angoli della custodia del ricetrasmettitore, oltre alle due viti in alto e in basso. Qui è dove abbiamo bisogno di un buon cacciavite della dimensione corretta, poiché le viti superiore e inferiore sono state bloccate con frenafiletti, dovrai sforzare leggermente per svitarle. Una volta rimosse tutte le viti, il pannello anteriore può essere facilmente separato dal corpo del ricetrasmettitore.
Scollegare con attenzione i due cavi e rimuovere il pannello anteriore dove possiamo osservare l’altroparlante e gli encoder della sintonia.

Notare che tutti i cavi segnali sono schermati, il che è un vantaggio. Una volta rimossa qualche altra vite accediamo alla scheda di gestione segnali.

Le schede, come da tradizione ICOM, sono molto semplici e pulite. Il flussante in eccesso viene accuratamente lavato. Ove necessario, il produttore ha utilizzato schermature metalliche.

Esaminiamo i componenti:
Il processore che controlla tutte le periferiche in ICOM IC-705 è RENESAS R7S721000VCFP . È un potente processore ARM con un core Cortex-A9 alla frequenza 400 MHz e memoria incorporata di 10 MB.

Come gestione segnali viene usato un FPGA, che elabora i segnali radio digitalizzati tramite ADC. Viene utilizzato anche un FPGA piuttosto potente di Intel / Altera – Cyclone 10 – 10CL025ZU256I8G . Per confronto, l’ICOM IC7300 utilizza anche esso un FPGA Intel / Altera EP4CE55F23I7N piuttosto simile. L’ADC utilizzato per digitalizzare i segnali radio in ingresso è un Analog Devices AD9266, un ADC a 16 bit, anche se molto probabilmente limitato a 14 bit come nell’ICOM IC-7300

Il DSP è ADSP-21478 di Analog Devices

Un altro DSP, sta volta il TMS320C55 di Texas Instruments . Accanto al chip si trova una matrice di diodi (cerchiato in rosso). La foto mostra la versione giapponese. Usando questi diodi, puoi in qualche modo aprire il ricetrasmettitore per trasmettere sulle varie bande (vedi Espansione di banda ICOM IC-705 e Abilitare la banda dei 5MHz su ICOM IC-705)

Il modulo WiFi prevede anche una antenna esterna

Accanto alla scheda WiFi troviamo anche il modulo Bluetooth

Sotto la scheda, abbiamo uno scudo metallico avvitato al telaio con molte viti, rimuoviamo la schermatura e troviamo la scheda del filtro passa-basso.

Ancora un paio di viti ed arriviamo allo stadio di trasmissione

Come modulo finale troviamo un AFT5M31N, un transistor in grado di erogare tranquillamente 30W ma che viene giustamente limitato a 10W

Un altro smontaggio da parte di JE3KMZ: link

Video dello smontaggio:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *