Un weekend di radio-attività montana tra giovani – IARU HF at Monte Giogo

È nato tutto così, un po’ al volo all’ultimo momento, in un venerdì di noia, visto che poco alla volta le misure anti-covid ci consentivano di ricominciare a viaggiare (pur mantenendo tutte le precauzioni del caso!) abbiamo pensato di organizzare un weekend diverso dal solito, una gita al Monte Giogo corredata da camping e attività radio.

Ci siamo ritrovati io (Luca IU2FRL), Francesco IU3GNB, Sebastian IN3FOX, Nicole IZ3XAK e Amelia IU5LVM, partiti da casa dopo pranzo il sabato pomeriggio e una volta superata una intensa sfida in stile Tetris per incastrare staffe, pali, antenne, tende, viveri e materiale per il tempo libero nelle due macchine a disposizione ci siamo messi in viaggio in direzione zona 5. Il viaggio è stato una piacevole gita tra gli appennini fino ad un paio di chilometri prima della deviazione che dalla strada provinciale 25 porta alla cima del monte, in quel punto inizia una strada di un paio di Km visibilmente abbandonata ed estremamente sconnessa, da percorrere con molta attenzione con un mezzo piuttosto rialzato da terra e facendo molta attenzione. Una volta arrivati a poche centinaia di metri dalla cima si iniziano a vedere le immense parabole del sistema ACE High della NATO, un link in banda UHF (832.56 – 959.28 MHz) che dagli anni 60 in poi collegava tutta l’Europa e non solo attraverso 40 postazioni dalla Norvegia fino alla Turchia circondate da una serie di edifici usati per la logistica. Ad oggi giace abbandonata alle intemperie, sorvegliata di tanto in tanto dai manutentori di una serie di ripetitori civili e servizi posti in un angolo della base.

Per non invadere il terreno della base abbiamo deciso di accamparci al tornante precedente la cima, dove un grosso spiazzo erboso ci ha permesso di posizionarci con le tende ed usare le automobili come supporti per le antenne, per l’occasione abbiamo scelto una direttiva 3 elementi per i 15m, una 15 elementi UHF ed un dipolo 40-80m collegati ad uno Yaesu FT-100D e FT-817ND, in quel weekend infatti si svolgeva il contest IARU HF, cui abbiamo deciso di partecipare come IQ2MM.

Durante il sabato pomeriggio ci siamo dedicati principalmente alla telegrafia in contest (che fatica ad ascoltare le mitragliate di punti e linee degli operatori più accaniti!) e a fare qualche passeggiata per goderci lo stupendo paesaggio che ci circondava, la sera poi ci siamo armati di telescopio in attesa della cometa NEOWISE che si è però fatta solamente desiderare a causa di grosse nubi che ci hanno oscurato completamente la visuale circondandoci con una fitta foschia ed un forte vento, siamo quindi stati costretti a fare QRT ed attendere la mattina.

La domenica finalmente il cielo ci ha dato tregua ed un piacevole sole ci ha accompagnato lungo un centinaio di QSO in SSB nella banda dei 15m con tutto il mondo tra Russia Asiatica, Africa, Asia e nord Europa, Sebastian IN3FOX non si è lasciato scappare nemmeno un collegamento!

Nonostante le regole anti-covid e il distanziamento sociale siamo riusciti a passare uno splendido weekend in compagnia tra amici con tanta radio e socializzazione, speriamo che quando questo bizzarro 2020 si concluderà si possano organizzare tanti eventi simili con tutta la grande famiglia Yota!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *