Palo carrellato per antenne direttive fai-da-te

Sta procedendo con risultati stupefacenti la costruzione del mio palo carrellato in sostituzione del precario palo da antenne tv che sosteneva la mia tre elementi, la struttura finalmente ha assunto la forma di un palo commerciale di alta qualità, ovviamente tutta la struttura è stata sovradimensionata rispetto al peso e alle forze cui dovrà resistere.

Struttura del palo

La struttura di base è un palo in acciaio inox da 80x80mm lungo 6 metri su cui scorrerà un altro palo 100x100mm lungo 1 metro a cui sono attaccate le antenne

Jpeg

Jpeg

Jpeg

Nelle foto si vede il carrello che scorre grazie a delle ruote in PVC fatte al tornio, il motore e i due motoriduttori in cascata che fanno girare il palo, montato su una boccola in alluminio sempre fatta al tornio. Nella parte alta è montato il cuscinetto in PVC che tiene il palo in posizione.

Jpeg

Sotto al secondo motoriduttore in corrispondenza del palo principale si trova l’encoder assoluto che invia costantemente la posizione dell’antenna al PLC collegato e fornisce una retroazione durante la rotazione. Il comando del motore è affidato ad un inverter Omron che ne controlla frequenza, tensione e corrente di lavoro.

Jpeg

Jpeg

Sul palo è montato l’argano che alza e abbassa il carrello tramite un cordino di 6mm di acciaio che scorre su due carrucole montate su cuscinetti a sfere

Jpeg

Jpeg

Sulla sommità del palo è stato pensato un meccanismo di blocco che possa tenere fermo il carrello in caso di rottura del cordino di acciaio, un semplice gancio azionato manualmente da terra

Jpeg

Jpeg

Jpeg

Tutta la struttura è sostenuta da delle staffe costruite su misura sempre in acciaio inox e fissata al muro con 6 fischer m10 in acciaio

Jpeg

Jpeg

Jpeg

Il palo una volta issato è perfettamente immobile e date le dimensioni non sarebbe nemmeno necessario montargli dei tiranti ma per sicurezza (soprattutto dei vicini..) sul carrello ho praticato 3 fori in cui sono fissati dei cordini nautici che lo tengono immobile anche con forte vento

Jpeg

Jpeg

Jpeg

Jpeg

Jpeg

 

Elettronica di comando

Il cuore del rotore è stato montato in una piccola scatola ai piedi del palo e contiene l’alimentatore, il plc, l’inverter e il filtro di linea

Jpeg

La comunicazione con il computer avviene tramite cavo seriale mentre il software di gestione è stato interamente scritto da me in visual basic, è possibile orientare l’antenna sia a partire da un locator che inserendo direttamente l’angolo a cui posizionarsi. Tutti i parametri e le funzioni accessorie sono modificabili sempre dal software per evitare di dover ogni volta utilizzare la suite di programmazione della Omron.

screen-001

sw-rotore-2

screen-003

Tra le varie features del programma ho inserito una modalità di risparmio energetico che toglie completamente alimentazione all’inverter dopo un tempo programmabile di inutilizzo e un comando per fare in modo che alla chiusura del software l’antenna si orienti in automatico verso sud, ovvero la posizione per poter muovere il carrello senza che l’antenna urti il palo

Aggiornamento 04/10/2016: A causa di un disturbo in 20m ho dovuto sostituire l’alimentatore che si vede in foto con un Omron S8VK, con le stesse caratteristiche ma di qualità nettamente superiore

Aggiornamento 15/10/2016: Continuando la serie di eliminazione del QRM ho deciso di togliere l’inverter e sostituirlo con due relè e un condensatore di rifasamento

Aggiornamento 23/09/2017: Ho modificato il sistema di controllo, ora non è più solamente tramite software ma utilizzo un display Omron da 7″ in cui ho incorporato tutto il sistema di gestione delle antenne e della loro posizione

Aggiornamento 02/2019: l’encoder che comandava il rotore mi ha abbandonato definitivamente ed ho quindi deciso di sostituire il tutto con un rotore commerciale G-1000DXC della Yaesu. Ho anche sostituito il cuscinetto reggispinta con un disco tornito in teflon

Aggiornamento 04/2019: dopo l’arrivo della Spiderbeam 5 bande HD ho dovuto realizzare un adattatore per poter montare la croce di supporto

6 Risposte a “Palo carrellato per antenne direttive fai-da-te”

  1. Molto interessante la tua autocostruzione del palo.
    Hai fatto un calcolo di costo? Te lo chiedo perchè sto prendendo in considerazione la Prosistel, ma vedo che è assai cara..
    Grazie per la tua risposta 73 de ik5jab Enrico

    1. ciao, ahimè è passato un po’ ma cercherò di aiutarti, il palo l’ho acquistato tramite la ditta per cui lavoro e se non ricordo male l’ho pagato circa 70 euro, la maggior parte dei profili usati per la costruzione del carrello sono ritagli di scarto recuperati da amici e ditte che lavorano metallo, il prezzo finito è inferiore ai 100 euro, ovviamente la manodopera è una componente da non sottovalutare

  2. Complimenti veramente un gran bel lavoro, io sono fermo con gli encoder e il controllo motori puoi passarmi qualche info

  3. Ciao mi chiamo Marco IS0KEB vorrei parlarti telefonicamente circa il tuo ottimo lavoro che hai fatto come Softwear per la gestione dell’encoder visto che io ho acquistato un motore per apricancello con l’encoder come consigliatomi da un amico e ora sono fermo a causa di impegni da parte sua il mio numero è 348——- mi puoi chiamare ? Spero di sì Buona Pasqua

    Marco

    1. Ciao, ahimè non ho mai lavorato con tali motori e non ho nessuna idea di come fare ad aiutarti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *