Un nuovo giocattolo: Motorola DR3000 – Trucchi e consigli

Visto che nella vita bisogna provare (quasi) tutto, ho avuto la fortuna di mettere mano su un ripetitore Motorola DR3000, degli apparati rack professionali UHF che funzionano sia in FM che DMR oltre alla possibilità di aggiungerli alla rete BrandMeister (o simili).

Impostazioni CPS:

La configurazione non presenta particolari difficoltà, bisogna solo controllare che siano presenti un paio di spunte nei posti giusti:

La voce “Disabilita ripetizione percorso” deve essere tolta altrimenti il ripetitore non funzionerà in FM.

Nella pagina “Instaurazione Collegamento” va impostato IP e porta UDP del server DMR a cui si vuole collegare il ripetitore, per operare in locale basta impostare la voce “Tipo Collegamento” su “Nessuno”.

Le impostazioni relative a coda e potenze si trovano nelle impostazioni generali. Nella stessa pagina è anche possibile attivare il beacon automatico in CW semplicemente inserendo il testo nel apposito campo e regolandone la trasmissione a piacimento.

nella colonna di sinistra è possibile fare click col tasto destro del mouse sulla zona impostata ed aggiungere le frequenze di ricezione e trasmissione con relativi toni subaudio sia in TX che RX. In italia è fortemente consigliato impostare la larghezza a 12.5KHz e codice colori 1. Se si imposta un canale analogico il ponte funzionerà solo FM, se si imposta un canale digitale funzionerà solamente DMR, se si imposta un canale misto trasmetterà la stessa tipologia di segnale ricevuta in ingresso (FM o DMR).

Se le opzioni indicate nei passaggi precedenti non fossero disponibili consiglio di controllare nel menù “Visualizza” che sia attiva la modalità “Esperto”. Se ancora non dovessero apparire controllate di avere l’ultima release firmware del ripetitore.

Interno del Ripetitore:

il ripetitore è composto di una radio in ricezione ed una in trasmissione (entrambe Motorola serie 44) con un abbondante dissipatore, un alimentatore heavy-duty con possibilità di batteria in backup ed una piccola board che fa da controller del ponte.

Cavo di programmazione:

l’interfaccia è veramente minimale e necessita solamente di 4 fili per funzionare (USB standard). è possibile realizzarsi in proprio il cavo senza alcun problema. Attenzione alle polarità!!

Problemi con il software CPS:

Utile guida di DJ0WH: link

Documentazione:

Precedente Propositi per il 2019 - Blog, Panadapter board e futuri progetti Successivo Interfaccia per Rotori Yaesu di Giulio IZ0FVD

Lascia un commento